Un breve post.

La settimana scorsa mi son comprato 2052, l’ultimo libro di Jorgen Randers, uno dei 4 autori dei limiti dello sviluppo uscito nel 1972.

http://it.wikipedia.org/wiki/Rapporto_sui_limiti_dello_sviluppo

2052, effettua un’analisi approfondita aggiornata e ponderata del sistema Terra, un’indagine complessa che integra al suo interno non solo dati macroeconomici ma anche socio climatici, provando ad ipotizzare dei possibili scenari di sviluppo.

Si può sicuramente definire un’opera della “famiglia” dei libri catastrofisti, ma di sicura veridicità scientifica.

http://www.edizioniambiente.it/libri/873/2052/

La domanda che poi ci dobbiamo porre è sempre la stessa, che mondo vogliamo lasciare ai nostri figli, ai nostri nipoti? Un pianeta distrutto climaticamente, dalle fasce climatiche stravolte e con conseguenti problemi di approvvigionamento di cibo, oppure un Pianeta ospitale dove con un consumo di risorse ridotto da parte di tutti si è raggiunta una piena sostenibilità? Sono temi che dobbiamo affrontare , non possiamo avere un orizzonte temporale troppo sul breve periodo, non ce lo possiamo più permettere, siamo già molto in ritardo. Difficile immaginare un pianeta dove i diritti civili siano rispettati e nel frattempo prosegue il consumo sfrenato di tutte le risorse naturali del Pianeta.

Image